Etica e Sviluppo

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Benvenuto in Etica & Sviluppo

Presentazione della "Associazione per lo Sminamento Umanitario ONLUS"

E-mail Stampa PDF


Per scaricare l'invito clicca qui
 

Comunicato Stampa: Etica & Sviluppo, nuova squadra di presidenza e nuova importante iniziativa sociale

E-mail Stampa PDF

Etica e sviluppo - la Onlus senese che opera da diversi anni nei settori della beneficienza e della promozione della cultura della solidarietà e dello sviluppo sostenibile – ha rinnovato i suoi vertici.

Il nuovo presidente dell’associazione è Leonardo Bandinelli. Succede ad Alessandro Piccini che ha lasciato la presidenza dopo un triennio di attività importanti, che hanno visto crescere e consolidarsi il ruolo di Etica e Sviluppo in città e in provincia.
Accanto a Bandinelli, è stata nominata una squadra di presidenza che vede un’importante new entry: Francesco Rossi come vicepresidente vicario. Rossi ha già un’importante esperienza nell’associazionismo sociale, essendo presidente provinciale delle ACLI.
Roberto Dragoni e Vittorio Innocenti sono stati confermati nelle cariche di vicepresidente e tesoriere. Completa il team Alfredo Monaci, past president e fondatore dell’associazione.

Il primo appuntamento per i nuovi vertici dell’associazione è per venerdì prossimo.
Nella sede di Banchi di Sotto 82, alle 17h30, sarà presentata l’Associazione per lo Sminamento Umanitario, un importante progetto internazionale rivolto alle aree che sono state teatro di conflitti e che opererà – in collaborazione con i governi e con le organizzazioni già impegnate nel settore - per aiutare sia le vittime, sia le popolazioni afflitte dalla presenza di mine antiuomo e di residuati bellici a ricostruire una vita di pace e sicurezza.

Saranno presenti il presidente dell’Associazione per lo Sminamento Umanitario Manoli Traxler e la cofondatrice dell’associazione Elisabetta Ricciardi.

 

Carta Stampata: fine di un’Era? (Seconda Parte)

E-mail Stampa PDF

(continua dalla Prima Parte)

L’avvento dei tablet ha inoltre largamente favorito la diffusione delle riviste in versione elettronica, risolvendo il problema della “non portabilità” che ne caratterizzava le versioni web legate e incatenate ai monitor dei computer.
Inoltre il tablet si dimostra ideale per riviste e giornali poiché la lunghezza degli articoli, relativamente ridotta, permette una lunga lettura senza stancare la vista e senza dover ricorrere al display di un lettore di ebook, riuscendo così a poter sfruttare a pieno schermi a colori dalla risoluzione sempre più ampia.
Se a questo aggiungiamo l’annullamento di ogni problema logistico e di tempi di consegna dei numeri in abbonamento, che possono arrivare sul tablet nell’arco di secondi o al più minuti, sembrerebbe di aver scoperto il nuovo paradiso per l’editoria. (continua... fai click su Leggi tutto...)

 

Carta Stampata: fine di un’Era? (Prima Parte)

E-mail Stampa PDF

Nei giorni scorsi è stata resa nota la notizia secondo cui il noto settimanale americano Newsweek cesserà di essere pubblicato in versione cartacea il 31 Dicembre di quest’anno.
Dopo 79 anni di storia (la rivista è stato fondato nel 1933) un magazine che vende in media 7 milioni di copie, di cui oltre la metà al di fuori degli Stati Uniti, sparisce così dalle edicole.
A quanto pare rimarrà la versione elettronica, sia su web che per tablet, dopo una serie di riaggiustamenti e riorganizzazione della complessa presenza online del marchio Newsweek.
Non ci addentreremo in questo contesto sulle specificità del caso e sulle turbolente vicende finanziarie e proprietarie che hanno caratterizzato Newsweek negli ultimi anni, ci interessa maggiormente soffermarci su quello che potrebbe essere un primo indizio di un trend. (continua... fai click su Leggi tutto...)

 

Quando l’Incertezza Uccide la Creatività (Settima Parte)

E-mail Stampa PDF

(continua dalla Sesta Parte)

In questo caso non c’è molto da inventare, non è sufficiente una generica comunicazione rassicurante, ma occorre una specifica azione di guida strategica.
Deve essere l’impresa ad indicare chiare linee guida ai dipendenti, deve essere il top management ad indicare senza esitazioni il punto di arrivo di un processo di cambiamento e, nei fatti, a dimostrare di sapervi giungere con quotidiani progressi che devono essere resi evidenti ai dipendenti.
Qualunque esitazione, rallentamento, cambio di strategia in corsa, deve essere prontamente gestito e spiegato. (continua... fai click su Leggi tutto...)

 


Pagina 7 di 56

Login

Registrandoti potrai contribuire ai contenuti del sito, scrivendo i tuoi articoli.

Sondaggi

Quali argomenti vorresti che fossero approfonditi su questo sito web ?
 

Chi è online

 19 visitatori online